Iconist

"Odio buttare via qualcosa"

Di Heike Blümner

Image-empty-state.png

Foto di Aaron Christian

Il fashion retailer online Yoox-Net-a-porter ha ideato un progetto di moda che fa propri elementi di intelligenza artificiale. Collaborano con il principe Carlo per la collezione sostenibile.

Era prezioso come lo è oggi: “Sono una di quelle persone che odiano buttare via qualcosa. Ecco perché preferisco farlo riparare o aggiustare... non sopporto la spazzatura e questo include il cibo avanzato ", ha detto il principe Carlo in una recente intervista. E questo non doveva essere letto sulla rivista di alimenti naturali “Schrot & Korn”, ma sul britannico “Vogue” . Ci sono due casi che dimostrano che la sostenibilità rimarrà la tendenza dominante per gli anni a venire, e il principe è finalmente al suo posto: in prima fila.

L'"eterno erede al trono", a lungo ridicolizzato come amante dei fiori con preferenze architettoniche conservatrici, si sta attualmente rivelando un designer coerente di vita: 50 anni fa ha avvertito in un discorso sulla distruzione dell'ambiente da parte dei rifiuti di plastica . All'epoca era quindi chiamato "vasino" - elegante per "plemplem". Oggi la lotta alla plastica è mainstream.
Aziende globali come Ikea stanno gradualmente vietando gli articoli in plastica monouso dai loro scaffali, paesi come Francia e Kenya vietano i sacchetti di plastica - e il 71enne è un ambasciatore riconosciuto ed esperto di questioni ambientali ed educative: a Dumfries House , nel sud-ovest della Scozia, ha lanciato un centro di apprendimento e formazione per bambini e adolescenti; è anche il patrono di una cooperazione tra Dumfries House e il German Fashion Council, che promuove lo scambio di giovani designer di entrambi i paesi. L'anno scorso ha accolto personalmente i partecipanti alla tenuta di campagna, quest'anno l'incontro si svolgerà in digitale il 19 novembre, l'erede al trono ha inviato un video di saluto, se dice “sostenibilità” in tedesco, allora la richiesta va dritta a il cuore.

Vola di appuntamento in appuntamento nell'e-Jaguar e discute della situazione mondiale con Greta Thunberg a Davos. Ora è anche il patron del progetto di moda The Modern Artisan, che è stato creato in collaborazione con il rivenditore di moda online Yoox-Net-a-porter (YNAP).
Il primo risultato di questo progetto pilota, di cui il gruppo sottolinea che si tratta di una "partnership a lungo termine" tra i mittenti, è una capsule collection. È stato progettato da sei studenti di moda e design della maglieria del Politecnico, il prestigioso ateneo milanese. Gli abiti sono realizzati a mano in Gran Bretagna, a Dumfries House, sotto la guida del principe, da quattro studenti che hanno cambiato carriera, che in precedenza erano lavoratori dell'acciaio o ballerini, tra le altre cose. Le collezioni donna e uomo comprendono ciascuna una dozzina di pezzi in un'edizione totale di 500 pezzi e sono offerte sulle piattaforme online di YNAP. Tutti i proventi andranno alla fondazione di Charles, The Prince's Foundation.
I materiali utilizzati, tra cui lana merino, seta e cashmere, provengono da produttori tradizionali britannici e italiani come Johnstons of Elgin o Centro Seta, che producono seta ecologica certificata. I look sono classici: culotte color caramello, tailleur pantalone di seta blu scuro o cappotto doppiopetto di lana tipo trench per le donne. Un bomber in cashmere grigio, un taglio leggermente più ampio, pantaloni di lana blu scuro o un cardigan rosso pomodoro per gli uomini.

Nessuna frivolezza, solo il nodo Da Vinci, che viene ripreso in modi diversi, è una firma e una reminiscenza creativa in occasione del 500° anniversario della morte dell'artista e scienziato. I prezzi per la sontuosa edizione oscillano tra i 425 euro per un maglione in cashmere e 1395 euro per il cappotto da donna.

Sono pezzi nobili che - fedeli al motto del principe - i sarti per modifiche e ritocchi godranno ancora di decenni di utilizzo. Una forma di power dressing in cui la qualità dei tessuti trasuda sottile autorità. Con la sua eleganza di classe superiore, la collezione donna ricorda anche la principessa Diana , il cui stile è stato recentemente celebrato anche in "Vogue" britannico in una serie di moda con l'attrice Emma Corrin, che interpreta la giovane Diana nell'epopea di Netflix "The Crown".
Fa parte della collezione anche una blusa “fiocchetto” con collo sciallato in seta. "La versione femminile della cravatta", come ha scritto il "New York Times" in occasione del discorso di vittoria del futuro vicepresidente Kamala Harris, che indossava un modello del genere. Anche Margret Thatcher amava queste camicette, e Melania Trump le ha indossate nel suo modo teso, simile a una sfinge, subito dopo che suo marito ha fatto coming out come arraffatore di genitali. Storicamente, la camicetta è una per tutti, dal primo ministro al segretario.
Dietro l'aspetto della blusa "Pussy Bow" nella collezione Modern Artisan c'è il calcolo, nel vero senso della parola. La valutazione dei numeri d'ordine. Perché per la parola "moderno" nel titolo del progetto c'è il fondatore e CEO di Yoox Federico Marchetti zuständig. „Wir haben die Technologie, um derartige Projekte zu untermauern.“ Vor 20 Jahren gründete er Yoox in Bologna. Eine auch als etwas „potty“ betrachtete Geschäftsidee sollte zur Lösung eines Problems beitragen. Damals nahm noch niemand wirklich ernst, was die Branche in den folgenden Jahren überrollen sollte: Marchetti verkaufte die Restbestände und Saisonüberbleibsel von Boutiquen und Designermarken. Der 51-Jährige baute darauf ein Onlineimperium auf und holte sich 2015 zusätzlich den Onlineluxusshop Net-a-porter mit den weiteren Ablegern The Outnet und Mr. Porter ins Portfolio.
Oggi il conglomerato appartiene al Gruppo Richemont e conta 4,3 milioni di clienti attivi in 180 paesi. Il gruppo funziona in parte come un anello chiuso tra le ultime offerte della stagione e ciò che ne resta alla fine. Nel corso dei decenni, la miseria dell'abbondanza si è trasformata prima in un business redditizio, e infine in una missione: "Sostenibilità, promozione dei giovani talenti e cooperazione transfrontaliera" sono i temi per lui in prima linea, secondo Marchetti. Il rapporto del gruppo documenta gli sforzi corrispondenti, non solo in termini di riduzione dell'impronta di CO 2 o di imballaggi ecocompatibili, ma anche questioni come l' uguaglianza, Diversità e formazione. A Londra hanno un polo tecnologico con 700 tecnici e ricercatori di dati.
Da qui nasce la spina dorsale della collezione. Il compito dei giovani designer era quello di anticipare uno stile che durasse il più a lungo possibile, interrogando i dati. Tra le altre cose, sono stati presentati loro i bestseller dei vari negozi online: "Dovrebbero quindi elaborare le tendenze a lungo termine nei loro progetti dalle immagini degli ultimi cinque anni", afferma Marchetti. Con l'aiuto dell'intelligenza artificiale sono state calcolate anche le dimensioni ottimali per evitare materiale in eccesso. Quindi all'inizio della collezione non c'era un'ispirazione geniale o un valico creativo di frontiera, ma la ricerca del maggior consenso possibile. Se un cappotto con o senza cintura, un blazer monopetto o doppiopetto o un maglione con o senza dolcevita è stata in definitiva una decisione legata ai dati.
Per un'azienda come YNAP, l'artigianato è particolarmente efficace a lungo termine se piace al maggior numero possibile. Il risultato creativo sta nel creare qualcosa senza tempo e desiderabile, ma non troppo fantasioso. Un cambio di paradigma nel settore, che è fortemente incentrato sull'individualità, secondo Marchetti. "Vogliamo avviare un nuovo profilo lavorativo, quello dell'artigiano moderno", ha affermato l'amministratore delegato. La sua azienda è un'azienda di e-commerce orientata al cliente e vuole dare ai giovani strumenti in modo che possano non solo progettare cose belle, ma anche venderle con successo.

Nel frattempo, il principe Carlo è orgoglioso dei risultati dei suoi protetti e ne è entusiasta nell'intervista di "Vogue". E gli piace anche lavorare con Marchetti, che definisce "molto divertente". Lui, a sua volta, afferma che la "connessione umana" tra Royal e Entrepreneur è iniziata con un'altra cosa in comune: "Amiamo le scarpe che durano per sempre". mostra che la stragrande maggioranza degli intervistati desidera acquistare più abbigliamento e accessori di alta qualità che durano più a lungo, possono essere riparati in caso di danni e non devono essere gettati via.
«Dal punto di vista economico ci sono grandi opportunità per chi avvia piccole attività specializzate in riparazioni, manutenzioni e riciclaggio», suggerisce opportunamente il principe. Se da questo si potesse derivare un'idea di start-up, il secondo episodio del progetto è buono come nelle tasche ben tenute.

Pubblicato su Welt.de